Passa ai contenuti principali

Frankenstein educatore di P. Meirieu




Preparando gli esami ci si può trovare a leggere con piacere qualcosa che si deve leggere per obbligo. È il caso di Frankenstein educatore di Philippe Meirieu, testo fondamentale della pedagogia moderna, ma anche piacevole spunto di riflessione sul mito dell'educazione, tra luci e ombre. 
L'autore affronta un tema così complesso e delicato attraverso la lente di ingrandimento della letteratura, rendendoci consapevoli del fatto che non esistono letture "non impegnate", ma che tutte le letture sono "di formazione". Analizzando le storie di Frankenstein, Pigmalione e Pinocchio, raccontando le commoventi esperienze dei "ragazzi selvaggi", facendo incursioni nel cinema (da Metropolis di Fritz Lang a Robocop), Meirieu spiega con leggerezza ed ironia la fine del mito dell'educazione come fabbricazione. L'educando non è creatura dell'educatore, cioè vittima di un progetto che lascia poco spazio allo sviluppo armonioso della sua personalità.
Accogliere il bambino come un dono, non sfuggire al proprio ruolo di educatore, accettare il processo pedagogico come un "cantiere aperto", come una successione inevitabile di vittorie e sconfitte: queste sono le premesse di una rivoluzione copernicana nella pedagogia.
Voltando le spalle all'educazione come fabbricazione ("Progetto Frankestein"), senza per questo cedere ai capricci del "bambino-re", Meirieu si concentra sulla relazione del soggetto con il mondo. Il bambino, sotto lo sguardo attento dell'educatore, diviene artefice di se stesso e si prepara ad entrare nel mondo da protagonista, acquisendo la capacità di comprendere il presente e di inventare il futuro.


Philippe Meirieu (1949- ), professore in Scienze dell'educazione presso l'Université Lumière-Lyon 2, è uno dei più noti pedagogisti francesi. Tra le sue pubblicazioni si ricordano: Apprendre... oui mais comment, 1987; La Pédagogie entre le dire et le faire, 1995; Lettre à un jeune professeur, 2005; Éduquer après les attentats, 2016. È possibile consultare in linea il sito www.meirieu.com.


Philippe Meirieu, Frankenstein educatore, Edizioni Junior, 2007, 144 pp.

ISBN 8884343224, 9788884343222.

Post popolari in questo blog

Caravaggio: la tavolozza e la spada di M. Manara

La luce, le tenebre. 
Il pennello corre veloce sulla tela. 
Alla ricerca dell'emozione. 
Rosso sangue nei quadri, rosso del sangue nella vita.  Fuori dai canoni, fuori dalle convenzioni. È il pittore spadaccino, è il Caravaggio di Manara. Due artisti lontanissimi si incontrano in un'opera che celebra il grande genio italiano. Manara resuscita la Roma del Seicento, quella delle vie sporche, degli splendori pontifici, delle molte contraddizioni. Le fastose processioni e le gogne, i traffici loschi e le pubbliche benedizioni.  In questo mondo barocco, nello stile e nell'anima, si muove Caravaggio. Si batte nei vicoli malfamati, assiste sconvolto all'esecuzione di Beatrice Cenci, e soprattutto dipinge.  Nei suoi quadri la prostituta diventa Madonna, i ladri e i mendicanti sono promossi Santi. È un'arte che fa la rivoluzione, non solo nelle forme ma anche nei concetti. Un'arte capace di guardare la realtà e di intuire cosa nasconde. Manara è particolarmente ispirato. Mantie…

Storia delle terre e dei luoghi leggendari di U. Eco

Immagina una sera d'estate di tanti anni fa... Un maestro e i suoi allievi passeggiano in giardino.  Poco lontano dalla città, le menti dei giovani si risvegliano: si sentono inebriati dal profumo dei fiori e dai suoni del tramonto.  Sembra una cicala il vecchio. Parla, e le sue parole cantilenanti sono più dolci del miele: «Tu, caro, immagina una città al centro di un labirinto di acqua. I tetti d'oro dei templi e della reggia scintillano, le case variopinte hanno finiture in bronzo e in fiammeggiante oricalco. Due fonti, una di acqua fredda e una di acqua calda, nutrono la terra, così che ogni tipo di pianta cresce e fruttifica...» Nella penombra del giardino è facile pensare ad Atlantide. Fantasticare di quell'isola superba, che osò sfidare gli dei. Di quegli uomini, migliori di noi, peggiori di noi. Di un Paradiso Perduto che il mare sommerse «nell'arco di un solo giorno, e di una notte». Atlantide, Iperborea, Eldorado colpiscono le corde più profonde della nostra anima,…

La battaglia delle rane e dei topi di Omero

Si diradano le nebbie del mito...  Figure nobili e leggendarie vengono avanti...  Le rane: Melmoso, Godilacqua, Saltacavoli...  I topi: Rodipane, Leccapiatti, Abitabuchi...  Tutti coinvolti in una guerra crudele. Il motivo? Gonfiagote ha ucciso il nobile principe Rubabriciole.  Gonfiagote come Achille, Rubabriciole come Ettore.  Ad un passo dalla pianura di Troia, dove si svolge la famosa guerra, lo stagno è travagliato da un conflitto altrettanto memorabile. Gli schinieri sono gusci di fave verdi ben rosicchiate, le lance aghi affilati, scorze di ceci sono gli elmi calati sugli occhi: così i topi in armi. Le rane corrono ai ripari: foglie di malva e bietole come corazze, in testa un guscio di chiocciola.  Il suono degli scontri richiama in campo perfino gli dei. Ares, Atena e Zeus incalzano o frenano la battaglia, parteggiando ora per gli uni ora per gli altri. Un mondo piccolo e grande insieme. Così umano, proprio perché inumano. Tuttavia non ridicolo, né favolistico. Un mondo dove la conte…