Incendio a Notre-Dame 1/2

Incendio a Notre-Dame

di Alessandra Nanni


«Sans doute, c’est encore aujourd’hui un majestueux et sublime édifice que l’église de Notre-Dame de Paris. Mais, si belle qu’elle se soit conservée en vieillissant, il est difficile de ne pas soupirer, de ne pas s’indigner devant les dégradations, les mutilations sans nombre que simultanément le temps et les hommes ont fait subir au vénérable monument, sans respect pour Charlemagne qui en avait posé la première pierre, pour Philippe-Auguste qui en avait posé la dernière. 
Sur la face de cette vieille reine de nos cathédrales, à côté d’une ride on trouve toujours une cicatrice. Tempus edax, homo edacior. Ce que je traduirais volontiers ainsi: le temps est aveugle, l’homme est stupide.»

«La chiesa di Notre-Dame di Parigi è certamente ancora oggi un maestoso e sublime edificio. Ma, per quanto bella si sia conservata col passare del tempo, è difficile non sospirare e non indignarsi di fronte alla degradazione e alle innumerevoli mutilazioni che il tempo e gli uomini alternativamente hanno inferto al venerabile monumento, senza rispetto per Carlomagno che ne aveva posto la prima pietra, né per Filippo Augusto che ne aveva posto l'ultima. 
Sul volto di questa vecchia regina delle nostre cattedrali, accanto ad una ruga si trova sempre una cicatrice. Tempus edax, homo edacior, espressione che tradurrei volentieri così: il tempo è cieco, l'uomo è stupido.»

da Notre-Dame de Paris di Victor Hugo.

Dolore per Parigi...

Commenti

  1. Immagini terribili, ma come è stato possibile?

    RispondiElimina
  2. Notre-Dame de Paris è uno dei libri più belli non solo della letteratura francese ma di tutta la letteratura mondiale.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I ricordi del piccolo principe di J.-P. Guéno

Caravaggio: la tavolozza e la spada di M. Manara

La battaglia delle rane e dei topi di Omero