La battaglia delle rane e dei topi di Omero

Cantami, o Musa, La battaglia delle rane e dei topi...

di Alessandra Nanni


[Omero], La battaglia delle rane e dei topi, a cura di Massimo Fusillo, Guerini e associati, 1988, 148 pp.
ISBN 8878020303.


Si diradano le nebbie del mito... 
Figure nobili e leggendarie vengono avanti... 
Le rane: Melmoso, Godilacqua, Saltacavoli... 
I topi: Rodipane, Leccapiatti, Abitabuchi... 
Tutti coinvolti in una guerra crudele. Il motivo? Gonfiagote ha ucciso il nobile principe Rubabriciole. 
Gonfiagote come Achille, Rubabriciole come Ettore. 
Ad un passo dalla pianura di Troia, dove si svolge la famosa guerra, lo stagno è travagliato da un conflitto altrettanto memorabile. Gli schinieri sono gusci di fave verdi ben rosicchiate, le lance aghi affilati, scorze di ceci sono gli elmi calati sugli occhi: così i topi in armi. Le rane corrono ai ripari: foglie di malva e bietole come corazze, in testa un guscio di chiocciola. 
Il suono degli scontri richiama in campo perfino gli dei. Ares, Atena e Zeus incalzano o frenano la battaglia, parteggiando ora per gli uni ora per gli altri.
Un mondo piccolo e grande insieme. Così umano, proprio perché inumano. Tuttavia non ridicolo, né favolistico. Un mondo dove la contesa è aspra, lo scontro epico, l'ira terribile, il dolore commovente anche se vissuto dalle creature di uno stagno. 
La vicenda è tragica pur nell'ironia, autentica nel suo significato più profondo. Perché la guerra, per i piccoli animali come per gli uomini, ha la stessa insensatezza. È una voragine che inghiotte quello che c'è di buono e di caro. È l'immagine grottesca, deformata, di noi.

Omero (VIII sec. a. C.) è il poeta greco più famoso dell'antichità, autore dell'Iliade e dell'OdisseaDa tradizione gli sono attribuite anche alcune opere minori, come La battaglia delle rane e dei topi (o Batracomiomachia), gli Inni omerici, il Margite ed altri poemi del Ciclo epico


Massimo Fusillo è Professore Ordinario di Critica letteraria e letterature comparate dell'Università degli Studi dell'Aquila.

Vai su Instagram per visualizzare la vetrina e accedere ai contenuti multimediali.

Commenti

  1. Interessante, non lo conoscevo

    RispondiElimina
  2. Meraviglioso commento, viene voglia di leggerlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sei troppo gentile. Continua a seguirmi, ci saranno presto nuovi post

      Elimina
  3. Era un'opera amatissima da Giacomo Leopardi, che infatti ne scrive un bellissimo e gradevolissimo prosieguo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Consiglio questa versione perché è molto fedele al testo originale, ma anche quella di leopardi è bellissima. Per chi fosse interessato si trova qui: http://www.classicitaliani.it/leopardi/poesia/Leopardi_Guerra_topi_rane_1815.htm

      Elimina
  4. Complimenti per le recensioni,vorrei avere notizie di questo blog. Sbaglio o è nuovissimo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È attivo da poco però ci sono delle belle cose

      Elimina
  5. Ho seguito il consiglio. Mi è piaciuto molto

    RispondiElimina
  6. Ecco, lettura finita! Molto bello

    RispondiElimina
  7. Ho iniziato a leggere con qualche perplessità, poi man mano mi sono appassionata, ora mi dispiace averlo terminato

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Caravaggio: la tavolozza e la spada di M. Manara

I ricordi del piccolo principe di J.-P. Guéno