La canzone italiana di L. Colombati

La più bella del mondo: La canzone italiana...

di Alessandra Nanni




La Canzone italiana 1861-2011. Storie e testi, a cura di Leonardo Colombati, Mondadori 2011, 2 voll., 2848 pp.
ISBN 9788804610137.

Odessa, primavera 1898.
Il giovane musicista Eduardo Di Capua è in tournée in Russia. Il successo è travolgente ma... nel cielo dei Balcani non brilla quella luce speciale che bacia la sua Napoli. 
Una lettera piena di ricordi raggiunge l'amico Giovanni Capurro: i suoni delle strade, i colori della gente, e, sopra tutto, sopra tutti, il Sole, che avvolge di riflessi dorati il Vesuvio. Quanta nostalgia! 
Così, quasi per caso, nasce una canzone: 
«Che bella cosa na jurnata 'e sole, 
n'aria serena doppo a na tempesta...»
La melodia vola dalla finestra, si impiglia ai fili stesi per il bucato; uno scugnizzo l'afferra al volo e, fischiettando per i vicoli, la restituisce alla città. Passa di bocca in bocca, dal ciabattino al nobiluomo, dalla fioraia al bel gagà
È nata la Canzone Napoletana. 
Poco dopo Reginella e la Signorinella pallida tengono a battesimo la Canzone Italiana, che cresce con gli inni patriottici e le musichette del tabarin
Dopo la guerra, gli anni '60: Carosone e Modugno, la “scuola genovese” e “milanese”, Mina e Celentano, i beat
Con De André e Battisti nasce la canzone d'autore, che riempie la testa dei ragazzi di passato e di futuro. 
Le sperimentazioni, l'elettronica, il pop, il funk, il rock. Pesante, spensierata, leggera, impegnata. È la nostra musica, ragazzi! Quella che batte al ritmo del nostro cuore...

Leonardo Colombati (1970- ) è uno scrittore e giornalista italiano. Ha scritto anche Perceber. Romanzo eroicomico, Il re, Estate e Bruce Springsteen. Come un killer sotto il sole. Il grande romanzo americano.

Apri la Galleria del blog per vedere foto, immagini, rielaborazioni grafiche originali, ispirate alle recensioni.
Oppure vai su Instagram per visualizzare la vetrina e accedere ai contenuti multimediali.

Commenti

  1. Un libro fondamentale per i cultori appassionati di musica italiana. Fortissima la recensione! Brava, Alessandra!

    RispondiElimina
  2. Mi capita di attendere queste recensioni perchè sono bellissime

    RispondiElimina
  3. Canzoni di Italia belle per sempre

    RispondiElimina
  4. Questa recensione è pura poesia

    RispondiElimina
  5. Mi piace l'idea di questa melodia che se ne scappa dalla finestra e s'impiglia in qualcosa per poi essere 'catturata'da uno scugnizzo! Una bellissima immagine!

    RispondiElimina
  6. Il grandissimo Pino Daniele dovrebbe aver fatto una versione in inglese de 'o sole mio' veramente meravigliosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo. Il pezzo è molto interessante perchè la melodia è molto bella anche non usando la lingua napoletana. Ovviamente c'è il valore aggiunto della voce unica di Pino

      Elimina
    2. Quanto ci manca Pino Daniele!

      Elimina
    3. mimmo.alfa.djy12 maggio 2019 22:39

      'Tu dimmi quando, quando' per me è la più bella canzone mai scritta

      Elimina
    4. La bella canzone napoletana che ci ha regalato e ci regala sensazioni stupende

      Elimina
  7. Bella recensione, particolare.

    RispondiElimina
  8. Questi commenti sono così belli mi fanno arrossire... grazie 🌹

    RispondiElimina
  9. La canzone napoletana è amata in tutto il mondo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I ricordi del piccolo principe di J.-P. Guéno

Caravaggio: la tavolozza e la spada di M. Manara

La battaglia delle rane e dei topi di Omero